Doccia per disabili: quali caratteristiche avere

Se per qualcuno fare la doccia può essere considerato un momento di relax e di svago, per chi ha una capacità motoria ridotta, può essere un ostacolo difficile da superare, per loro esiste la doccia per disabili.
La doccia “normale” può diventare un sinonimo di cadute accidentali o urti, la pericolosità dipende da diversi fattori:

  • Piatto doccia non a filo pavimento: In alcuni casi può diventare un vero e proprio muro, che abbiamo imparato a denominare con il termine di barriera architettonica. Vale tanto per le persone con un disagio agli arti inferiori (disabilità), quanto per le persone più in la con l’età. Nella migliore delle ipotesi occorre avere qualcuno che supporti i movimenti;
  • Mancanza di spazio necessario: La collocazione della doccia è un punto fondamentale per poter avere il pieno controllo degli spostamenti;
  • Ausili di sicurezza: Se entrare in doccia può rappresentare un problema per alcune persone, la stessa pericolosità la si ha per uscire dalla doccia. Maniglioni di sostegno, sedute specifiche per doccia e i dispositivi acustici di emergenza, sono il minimo per rendere piacevole e rilassante fare una doccia.

La doccia per disabili munita di seduta è sicuramente una delle componenti indispensabili e più comode all’interno di un bagno per persone con ridotta mobilità.
Il piatto doccia filo pavimento è la soluzione ideale per chi ha difficoltà di deambulazione ed usa la carrozzina in modo permanente.
Altro elemento che può essere complementare alle caratteristiche essenziali è il design. Oggi le aziende che forniscono soluzioni per disabili per la stanza da bagno, sono molto attente a questo bisogno.

Quanto spazio serve per installare una doccia per disabili?

Le migliori docce per anziani o per disabili non si limitano alla sicurezza ma cercano di offrire il massimo comfort. Un box doccia comodo per persone con difficoltà motorie dovrebbe avere una profondità minima di 160 centimetri. Le ante dovrebbero essere o scorrevoli o mancanti, vedi ad esempio la doccia walk in.
Come detto un punto cruciale è l’ingresso, il box doccia deve essere facilmente accessibile e agevole. La distanza ottimale tiene conto della posizione dei vari elementi che compongono il bagno.

La disposizione dei maniglioni di appoggio occorre progettarla da subito e non solo per la zona doccia. Il motivo è abbastanza intuitivo: un maniglione comporta un certo tipo di ingombro, se non progettato su carta può contribuire a  rendere poco agevoli i movimenti.

Piatti doccia per disabili

Una doccia per disabili è necessaria per avere le condizioni ottimali e assecondare le capacità ridotte di mobilità del suo utilizzatore. E’ fondamentale che il piatto doccia sia adatto alle sue specifiche esigenze e non ad altri. Questo significa che il piatto doccia a filo pavimento, deve poter rispondere alle esigenze non solo del singolo ma anche a chi è dedicato all’assistenza.

Oltre a limitare o annullare il gradino bisogna fare molta attenzione al materiale di cui è composto il piatto doccia. La presenza di umido o pozze d’acqua può essere causa di scivolate accidentali. Lo stesso colore del piatto doccia può aiutare ad individuare zone più problematiche o scivolose.

Solo i professionisti sono in grado di capire e analizzare le reali esigenze e trasformarle in opportunità. Non è facile continuare a essere autonomi con una disabilità motoria. A volte superare le molte barriere che ci circondano, è davvero difficile, soprattutto quando si cerca soluzioni pratiche e belle.
La propria autonomia in casa ovviamente non si riduce alla doccia ma deve riguardare l’intera casa. Questa riflessione serve a comprendere che il lavoro di ristrutturazione di un bagno, inizia necessariamente dai percorsi casalinghi collegati con la stanza da bagno.
Gradini, porte che si aprono nel verso sbagliato, maniglie complicate oppure d’ingombro, persino l’illuminazione deve servire a rendere agevole la vita in casa per chiunque.

Piatto doccia per anziani

Come nel precedente caso, si fa riferimento a piatti doccia ribassati o addirittura posti a livello del pavimento. L’unica differenza sta nella possibilità di adeguare alla perfezione le misure, rendendo la doccia una vera e propria opera artigianale.
Un sistema doccia integrato con piatto doccia da incasso a filo pavimento, permette di entrare direttamente nella cabina doccia anche muniti di una sedia a rotelle. Una volta dentro l’anziano può scivolare sulla Seduta Doccia, in completa sicurezza.

Quanto visto poco fa le persone a mobilità ridotta, vale ovviamente anche per gli anziani. Entrambi hanno bisogno di poter fare una doccia in sicurezza e in piena autonomia.

Conclusioni

Per finire è bene ricapitolare gli elementi di cui c’è assoluto bisogno per avere una doccia per disabili funzionale ma non solo:

  • Piatto doccia a filo pavimento delle dimensioni adatte allo scopo
  • Porta della doccia facilmente apribile o mancanti

E’ utile saper che esistono anche soluzioni differenti per il seggiolino, quanto a posizione e forma:

  • Doccia con seduta incorporata
  • Seggiolino ribaltabile sotto la colonna doccia
  • Colonna doccia con seduta incorporata

La doccia deve servire allo scopo, deve essere sicura ma oggi deve anche soddisfare i canoni del design moderno, solo così le limitazioni motorie potranno passare in secondo piano.